Visualizza gratuitamente parte del nostro corso direttamente dal menù sottostante

- Presentazione
- Consigli per operatori
- Consigli per privati
- I vari tipi
- Come si utilizzano
- La gestione e la conservazione
- Presentazione
- Simulazione utilizzo
- Presentazione
- Impiego nei cocktail
- Presentazione
- L'utilizzo del ghiaccio
- Presentazione
- Consigli
- Realizzazioni di un cocktail
- Il procedimento - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Caipirinha
- Colades
- Frozen
- Exotic e mist
- Vecchie ricette di "tendenza"
- Colades
- Introduzione
- Pousse caf
- Alexander e grog
- Amari: aperitivi e dopo pasto - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Come crearle - Presentazione - Caffè
- Tè
- Presentazione - Presentazione - Presentazione - Presentazione
 
 
 


Lezione 9/1: I cocktail after dinner

PRESENTAZIONE


I cocktail after dinner (cioè dopo pasto) sono drink con un gusto molto più morbido rispetto ai pre dinner.
In questa categoria si utilizzano tendenzialmente distillati invecchiati quali brandy, cognac, rum, whisky, ma si possono utilizzare anche vodka, tequila e grappa.
Gli aromatizzanti sono costituiti da liquori dolci, amari, bitter, vermouth e i coloranti, ripetiamo, possono essere gli stessi liquori dolci colorati o anche gli sciroppi.
Vengono utilizzati anche succhi di frutta (arancia, limone, ananas, tropicale), caffè, crema di latte, uova.
I cocktail after dinner classici di buona struttura si servono quasi tutti in coppetta cocktail, se si aggiunge succo di frutta, crema di latte, caffè si possono servire in doppia coppa cocktail, se il cocktail prevede il ghiaccio si serve in un tumbler, i cocktail con lo Spumante o lo Champagne si servono in flûte.


Vediamo ora un classico after dinner

STINGER

Bicchiere: coppetta
Attrezzo: shaker

Ricetta:
cl. 4 Cognac
cl. 2 Crema di Menta bianca


Questo cocktail è codificato IBA, la ricetta originale non prevede decorazione.
I due prodotti sono perfettamente miscibili, ma il cocktail è nato così, volutamente opalescente per effetto della shakerata, quindi occorrerà procedere velocemente al servizio altrimenti, dopo alcuni secondi, il cocktail torna limpido.
Lo Stinger, se richiesto, può essere servito anche nel bicchiere con ghiaccio, in questo caso dopo la shakerata si versa tutto il contenuto dello shaker in un tumbler basso. La perfetta bilanciatura di questo cocktail dimostra che si possono ottenere ottimi risultati anche con due soli ingredienti. L’importante è la qualità e il rapporto tra gli ingredienti.



___________________________________


B&B

Bicchiere: ballon
Direttamente nel bicchiere  

Ricetta:
cl. 2 Cognac
cl. 2 Benedictine


B&B è l’acronimo di Brandy e Benedictine, la ricetta originale prevede l’utilizzo del Cognac (chiamato Brandy a livello internazionale). Si può realizzare anche con il Brandy, indicandolo nel menù.
Se richiesto si aggiunge ghiaccio, in questo caso il servizio sarà realizzato in un tumbler basso.



___________________________________


Passiamo alla costruzione di un cocktail after dinner di fantasia

ARGO

Bicchiere: coppetta
Attrezzo: mixing glass

Ricetta:
cl. 4 Vodka
cl. 1 Bitter
cl. 2 Amaro


Si lavorano gli ingredienti nel mixing glass, si serve in coppetta cocktail, uno sprizzo in superficie di scorza di arancia e una ciliegina rossa all’interno.
Variando il tipo di amaro (in questa ricetta abbiamo utilizzato Braulio) si ottengono risultati con gusti differenti.





 
 

       
   
Lezione 9/1 : pag. 1 - pag. 2

 
 
A.I.B.E.S. ASA - Associazione Stampa Agroalimentare