Visualizza gratuitamente parte del nostro corso direttamente dal menù sottostante

- Presentazione
- Consigli per operatori
- Consigli per privati
- I vari tipi
- Come si utilizzano
- La gestione e la conservazione
- Presentazione
- Simulazione utilizzo
- Presentazione
- Impiego nei cocktail
- Presentazione
- L'utilizzo del ghiaccio
- Presentazione
- Consigli
- Realizzazioni di un cocktail
- Il procedimento - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Caipirinha
- Colades
- Frozen
- Exotic e mist
- Vecchie ricette di "tendenza"
- Colades
- Introduzione
- Pousse caf
- Alexander e grog
- Amari: aperitivi e dopo pasto - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Come crearle - Presentazione - Caffè
- Tè
- Presentazione - Presentazione - Presentazione - Presentazione
 
 
 


Lezione 2/1: Le Attrezzature

LE ATTREZZATURE PER L'AMERICAN BAR


Al bar o a casa, se vogliamo realizzare cocktail, long drink o frozen dobbiamo avere una serie di attrezzature specifiche, per svolgere in maniera corretta questa attività.
Oltre a coltelli,cucchiaini e bicchieri per la somministrazione, materiale già presente a casa o nel pubblico esercizio, dovremo avere a disposizione gli strumenti che ci aiuteranno a shakerare, miscelare, incidere scorze di agrumi per realizzare le decorazioni e una gamma di bicchieri specifica per questi elaborati.
Vediamo quali sono queste attrezzature.


SHAKER A 3 PEZZI E BOSTON

    

Lo shaker può essere tutto di metallo a tre pezzi: bicchiere, primo coperchio con apertura forellata per trattenere il ghiaccio e chiusura ermetica per la shakerata


  

oppure composto da due bicchieri: uno di metallo e l’altro di vetro.

Entrambi hanno la stessa funzione: poter agitare con forza gli ingredienti, in presenza di cubetti di ghiaccio cristallino, e amalgamarli il più possibile. Al termine della shakerata, si appoggia il Boston con il bicchiere di metallo in basso, si dà un colpetto sul bordo della parte metallica per aprire l’attrezzo, si toglie il bicchiere di vetro, si appoggia lo strainer sul bicchiere metallico e si versa il contenuto nel bicchiere adatto.




Questo strumento deve essere tenuto saldamente con le due mani: il pollice di una mano sotto e l’indice dell’altra mano sopra, mentre le altre dita di entrambe le mani dovranno avvolgere l’attrezzo rendendo stabile la presa, occorre fare attenzione perché con l’aggiunta del ghiaccio all’interno si formerà condensa sulla parte esterna che renderà scivoloso l’attrezzo.
Lo shaker o il Boston si utilizzano in presenza di prodotti non miscibili tra loro: succhi di frutta, sciroppi densi, panna.


 

Lezione 2/1 : pag. 1 - pag. 2 - pag.3 - pag.4

 
 

       
   

 
 
A.I.B.E.S. ASA - Associazione Stampa Agroalimentare