Visualizza gratuitamente parte del nostro corso direttamente dal menù sottostante

- Presentazione
- Consigli per operatori
- Consigli per privati
- I vari tipi
- Come si utilizzano
- La gestione e la conservazione
- Presentazione
- Simulazione utilizzo
- Presentazione
- Impiego nei cocktail
- Presentazione
- L'utilizzo del ghiaccio
- Presentazione
- Consigli
- Realizzazioni di un cocktail
- Il procedimento - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Caipirinha
- Colades
- Frozen
- Exotic e mist
- Vecchie ricette di "tendenza"
- Colades
- Introduzione
- Pousse caf
- Alexander e grog
- Amari: aperitivi e dopo pasto - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Come crearle - Presentazione - Caffè
- Tè
- Presentazione - Presentazione - Presentazione - Presentazione
 
 
 


Lezione 5/3: Il Calcolo delle Dosi

REALIZZAZIONE DI UN COCKTAIL



Realizzazione di un cocktail

Soprattutto per la realizzazione di un cocktail le dosi sono molto importanti per due fattori:

la proporzione degli ingredienti per servire la giusta miscela e, in senso assoluto, la quantità esatta da servire ( se viene realizzata una quantità in eccesso questa sarà da buttare via).

Ricordarsi che se utilizzate il Boston, il ghiaccio lo dovete inserire nel bicchiere d’acciaio, mentre nel bicchiere di vetro tutti gli ingredienti, il bicchiere di vetro vi permetterà di verificare le dosi versate.

     


Allenarsi, quindi, con il cilindro graduato e con il misurino e magari utilizzarlo i primi tempi lavorando al banco. Per un operatore agli inizi risulta comunque un segno di serietà nei riguardi del cliente che osserva.

Se il cliente che vi ha chiesto il cocktail è al banco e non è in compagnia, dovrete abituarvi a rendere tutta l’operazione molto scorrevole, senza esitazioni e soprattutto lavorare senza concentrarvi troppo sulla preparazione ma cercando di sorridere e dialogare con il cliente.

Consigli:

-lo shaker va agitato lateralmente e non in direzione del cliente, potrebbe uscire qualche goccia e schizzare il cliente.

-durante la shakerata non assumete espressioni o smorfie che vogliano dimostrare  un eccessivo sforzo.

-durante la shakerata guardate il cliente e dialogate con lui, comunque tenete una espressione serena

 -se lavorate con il Boston a due pezzi, converrà avvolgere il bicchiere di acciaio con un tovagliolo per evitare che possa scivolarvi di mano; infatti l’attrezzo si raffredda per la presenza del ghiaccio all’interno e formerà condensa all’esterno.

 


 

Lezione 5/3

 
 
   
 
A.I.B.E.S. ASA - Associazione Stampa Agroalimentare