Visualizza gratuitamente parte del nostro corso direttamente dal menù sottostante

- Presentazione
- Consigli per operatori
- Consigli per privati
- I vari tipi
- Come si utilizzano
- La gestione e la conservazione
- Presentazione
- Simulazione utilizzo
- Presentazione
- Impiego nei cocktail
- Presentazione
- L'utilizzo del ghiaccio
- Presentazione
- Consigli
- Realizzazioni di un cocktail
- Il procedimento - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Caipirinha
- Colades
- Frozen
- Exotic e mist
- Vecchie ricette di "tendenza"
- Colades
- Introduzione
- Pousse caf
- Alexander e grog
- Amari: aperitivi e dopo pasto - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Come crearle - Presentazione - Caffè
- Tè
- Presentazione - Presentazione - Presentazione - Presentazione
 
 
 


CONSIGLI PER PRIVATI


I temi trattati in questo corso sono di comune interesse sia per i privati che per gli operatori. Nella lezione delle attrezzature per l’american bar e per la caffetteria vedremo materiale professionale.          
Qualche suggerimento, quindi, ai privati per organizzarsi con le attrezzature e la gestione dei prodotti:

CAFFETTERIA

Il caffè realizzato con la Moka di casa risulterà ancora più buono se osserveremo questi piccoli accorgimenti:
-se acquistate il caffè già macinato
dovete conservare il pacchetto aperto in un contenitore a chiusura ermetica evitando il più possibile il contatto con l’aria, il calore e l’umidità. Il pacchetto aperto deve essere consumato in breve tempo perché gli oli essenziali della polvere di caffè tendono ad ossidarsi
-se acquistate il caffè in grani
-dovete osservare le stesse precauzioni, ma dovete pulire bene anche il macinadosatore (o il macinino); i residui di caffè che rimangono negli ingranaggi si ossidano e inquinano il caffè fresco che macinate in seguito
-non lasciate il caffè in grani nella campana, né tanto meno la polvere di caffè nel macinadosatore per gli stessi motivi commentati ai punti precedenti
-attenzione al grado di macinatura, l’ umidità viene assorbita facilmente dal caffè macinato e quindi se riempite il filtro della Moka e pressate molto il macinato umido, l’acqua attraverserà con fatica il pannello di caffè e rimanendo molto a contatto con la polvere di caffè, avrete in tazza gusto di bruciato.

Le dosi

-la polvere di caffè non deve mai superare il livello del filtro e non deve essere mai troppo pressata, il caffè avrà un sentore di bruciato.

L'acqua

Se l’acqua di rete ha una bassa concentrazione di sali, la potete utilizzare per fare il caffè, altrimenti è preferibile utilizzare acqua minerale in bottiglia. Dovete dare un’occhiata al “residuo fisso a 180°” indicato in etichetta, la quantità giusta deve essere il più possibile vicina a 50/mg per litro o sotto.

La caffeina:
è più presente nel caffè con la Moka o nell’ espresso del bar?

Contrariamente a quello che si può pensare, il caffè del bar (erogato in dosi da cc.25/30) contiene meno caffeina del caffè realizzato con la moka. La caffeina è un prodotto solubile nell’acqua, pertanto più acqua passa attraverso il pannello di caffè e più caffeina contiene.
Molti clienti al bar chiedono un caffè lungo e il barista continua a far passare acqua dal pannello del caffè, così, convinti di bere un caffè più leggero, bevono un caffè con più caffeina e per giunta peggiore.
Il servizio corretto di un caffè lungo consiste nel preparare un caffè normale, anzi leggermente più ristretto, e porgere al cliente un bricchetto di acqua calda per allungarlo secondo il proprio gusto.

La fiamma del gas
la Moka deve andare in temperatura dolcemente, evitate quindi di tenere la fiamma troppo alta che lambisca anche le pareti della macchina, potrebbe surriscaldare il caffè macinato all’interno.

GLI STRUMENTI PER FARE I COCKTAIL A CASA

Nella sezione attrezzature vedremo le attrezzature professionali, cioè il necessario per fare un buon lavoro dietro al banco bar. In casa si possono utilizzare oggetti più economici quali:

-shaker di plastica
-mixing glass di plastica ( per miscelare i prodotti si può  utilizzare anche una caraffa)
-i bicchieri li vedremo nella sezione successiva, sarà una scelta vostra acquistare qualche coppetta da cocktail e qualche altro bicchiere
-se volete realizzare anche qualche decorazione, inizialmente potete utilizzare un pela patate per intagliare la scorza degli agrumi, in seguito se vi appassiona l’arte della miscelazione e conseguentemente della decorazione, dovrete acquistare un piccolo coltellino per intagliare scorze di agrumi, mele, carote, ecc..
Naturalmente occorrerà un po’ di pratica per eseguire delle buone realizzazioni, le ricette sono riportate nella sezione specifica.

 
 
 
 
A.I.B.E.S. ASA - Associazione Stampa Agroalimentare