Visualizza gratuitamente parte del nostro corso direttamente dal menù sottostante

- Presentazione
- Consigli per operatori
- Consigli per privati
- I vari tipi
- Come si utilizzano
- La gestione e la conservazione
- Presentazione
- Simulazione utilizzo
- Presentazione
- Impiego nei cocktail
- Presentazione
- L'utilizzo del ghiaccio
- Presentazione
- Consigli
- Realizzazioni di un cocktail
- Il procedimento - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Caipirinha
- Colades
- Frozen
- Exotic e mist
- Vecchie ricette di "tendenza"
- Colades
- Introduzione
- Pousse caf
- Alexander e grog
- Amari: aperitivi e dopo pasto - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Presentazione - Come crearle - Presentazione - Caffè
- Tè
- Presentazione - Presentazione - Presentazione - Presentazione
 
 
 


Lezione 7/1: Tecniche di costruzione di un cocktail

PRESENTAZIONE


Varie sono le tecniche di preparazione di un cocktail, sia per il tipo di attrezzature utilizzate che per la metodologia da seguire.
In questa lezione vediamo la realizzazione di 5 cocktail con l’ utilizzo delle varie attrezzature e con differenti tecniche di lavoro:


SHAKER A 3 PEZZI


WHISKEY SOUR

Bicchiere: Goblet

Ricetta:

cl. 4,5 Bourbon Whiskey
cl. 3,0 Succo di limone
cl. 1,5 Sciroppo di zucchero

Shakerare con ghiaccio cristallino, versare in un bicchiere goblet e decorare con mezza fetta di arancia, una ciliegina rossa al maraschino.

Questo cocktail fa parte della categoria dei “sour”, cocktail realizzati con un distillato o un liquore e aggiunta di succo di limone (acidulo= sour in inglese)


N.B. La presenza del succo di limone rende necessario l’utilizzo dello shaker.



___________________________________


BOSTON SHAKER



PAREO

Bicchiere: fantasia a stelo

Ricetta:

cl. 4 Gin
cl. 2 Passoa (liquore al frutto della passione)
cl. 2 Cherry Brandy
cl. 2 Succo di limone
cl.10 Succo tropicale


Shakerare con ghiaccio cristallino, versare in un ampio bicchiere fantasia.
Decorare con stringa di scorza di limone, mezza fetta di arancia, una ciliegina. Servire con cannuccia.

Questo è un cocktail fantasia creato da Umberto Caselli per illustrare la composizione di un drink composto da 5 ingredienti.
Base alcolica (Gin), aromatizzante (Passoa), colorante e dolcificante (Cherry Brandy), succhi di frutta in misura preponderante per rendere l’elaborato dissetante.
L’utilizzo del Passoa fortifica l’impiego del succo di frutta tropicale e il succo di limone smorza il dolce degli altri componenti.



N.B. Anche in questo caso si rende necessario lo shaker perché ci troviamo in presenza di due succhi di frutta. In alcuni bar di tendenza il barman lavora con il bicchiere di metallo e utilizza come bicchiere di vetro il tumbler grande, che servirà al cliente con il cocktail e il ghiaccio.


___________________________________


MIXING GLASS


MANHATTAN

Bicchiere: coppetta cocktail

Ricetta:

cl.5 Rye o Canadian Whiskey
cl. 2 Vermouth Rosso
2 gocce di Angostura


Tutti gli ingredienti nel mixing glass e mescolare velocemente.
Versare in una coppetta cocktail precedentemente raffreddata con cubetti di ghiaccio all’interno.
Decorare con una ciliegina rossa immersa nella coppetta.

Cocktail codificato I.B.A., fa parte dell’elenco dei cocktail conosciuti da tutti i barman del mondo.
Si tratta di un cocktail molto apprezzato che ha attraversato 3 secoli, è stato inventato alla fine dell’ottocento ed è ancora molto richiesto dagli intenditori.



N.B. I componenti del Manhattan sono perfettamente miscibili tra di loro e il servizio del cocktail è previsto nella coppetta, pertanto si utilizza il mixing glass per raffreddare la miscela.


___________________________________



NEL BICCHIERE


NEGRONI

Bicchiere: tumbler

Ricetta:

cl. 3 Gin
cl. 3 Bitter
cl. 3 Vermouth Rosso

   

In un bicchiere tumbler pieno di ghiaccio si versano gli ingredienti, si mescola per raffreddare il cocktail e si decora con mezza fetta di arancia.

Cocktail codificato I.B.A., fa parte dell’elenco dei cocktail conosciuti da tutti i barman del mondo
Il Negroni è stato inventato a Firenze intorno al 1920, vedi storia in biblioteca



N.B. I componenti del Negroni sono perfettamente miscibili tra di loro, il servizio del cocktail è previsto in un bicchiere tumbler, adatto a contenere ghiaccio, pertanto la preparazione si effettua direttamente nel bicchiere


___________________________________


NEL BLENDER


DAIQUIRI FROZEN

Bicchiere: doppia coppa cocktail

Ricetta:

cl. 4,0 Rum Bianco
cl. 2,0 Succo di limone
cl. 0,5 Zucchero liquido
Gocce di Maraschino


Versare prima gli ingredienti nel blender e per ultimo il ghiaccio spezzettato, occorre lavorare con estrema velocità perché il ghiaccio sotto l’azione delle lame si scioglie più in fretta. 
Si serve in doppia coppetta cocktail. Il Daiquiri Frozen non prevede decorazione

Cocktail codificato I.B.A., fa parte dell’elenco dei cocktail conosciuti da tutti i barman del mondo.
Il Daiquiri Frozen è una variante del Daiquiri ed entrambi sono cocktail molto famosi.
La categoria Frozen comprende tutti i cocktail realizzati nel blender (frullatore) con molto ghiaccio.
La velocità elevata delle lame del frullatore amalgama ingredienti liquidi e ghiaccio trasformandoli in un composto denso e cremoso.


N.B. Se le richieste di frozen sono numerose occorre munirsi di un blender professionale, alcuni blender riescono a triturare anche il ghiaccio in cubetti.

 


Lezione
7/1 : pag. 1 - pag. 2

 
 


 
 
A.I.B.E.S. ASA - Associazione Stampa Agroalimentare